Creare delle proposte musicali autentiche: la ricetta perfetta

6 Dicembre 2022

Ti è mai capitato di riproporre nelle tue lezioni un’attività creata da altri scoprendo che non è così adatta al tuo contesto?

Succede spesso ed è naturale perché i contesti sono differenti, hai davanti i tuoi allievi non quelli di altri insegnanti, i bambini hanno esigenze differenti, la tua modalità di proposta è differente dagli altri, gli obiettivi che ti poni potrebbero essere diversi.

E quindi come si fa a creare delle proposte autentiche, che aderiscano al contesto e agli obiettivi che decidi di raggiungere con i tuoi gruppi?
C’è una ricetta semplice ma efficace che ti aiuta a definire meglio il tuo lavoro, ecco le dosi e il procedimento:

 

  • Inserisci in una ciotola tutti gli ingredienti:

100 gr di creatività

Più hai a che fare con materiali diversi più la tua mente elabora soluzioni diverse, strategie e modi differenti per inventare nuove idee. La creatività va allenata: noi ad esempio ogni settimana ci concediamo qualche ora per ripassare o studiare le prossime lezioni e per dare sfogo alla nostra creatività: inventiamo nuove melodie e nuovi testi, nuovi passi di danza, nuove sequenze di body percussion… Ci diamo da fare affinché il nostro spirito creativo non affievolisca e resti sempre allenato.

200 gr di consapevolezza
(rispetto agli obiettivi che vuoi raggiungere)

Ogni attività, ogni passaggio della proposta che tu porti a lezione deve avere un perché. Se un perché non ce l’ha probabilmente c’è un errore a monte, cioè non hai programmato le tue idee pensando al perché le vuoi realizzare. Ogni fascia d’età, ogni gruppo di persone, ogni contesto ha obiettivi differenti.

300 ml di competenza

(rispetto alle diverse fasce d’età, alle necessità e bisogni dell’allievo e alle competenze e abilità che ogni fase della vita porta con sé)

Una formazione il più possibile a 360° ti aiuta a lavorare bene con la musica. Se il tuo approccio con la musica è pratico e attivo, attraverso il movimento e la voce, non limitarti a cantare e realizzare danze “perchè così si fa”, chiediti sempre se quello che stai proponendo è adatto ai tuoi allievi. Ragiona sempre su competenze e abilità, musicali e non.

  •  mescola il tutto dal basso verso l’alto per non smontarne l’efficacia

  • inforna a 180°, per sempre

 

et voilà!

i tuoi materiali musicali sono stati creati in modo consapevole e sono tuoi, non sono una copia, sono frutto della tua rielaborazione e sono perfetti così come sono, autentici, pronti per essere “assaggiati e gustati” dai tuoi allievi.

PraticaMenteMusica

PraticaMenteMusica

Siamo Alessia e Cristina e a PraticaMenteMusica incontriamo le persone attraverso il linguaggio musicale. Quando abbiamo creato PraticaMenteMusica, abbiamo pensato ad una scuola diversa dalle altre, uno spazio in cui è possibile evolvere personalmente attraverso la musica. Leggi di più

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *